Dicelamamma.it: Blog non convenzionale di Sony

baby hands close

Se fin da tenera età destreggi strumenti informatici e rappresenti quindi le nuove generazioni utilizzatrici spontanee di tecnologie informatiche, allora sei considerato un “Nativo digitale“.

Il termine è spesso utilizzato per differenziare la facilità che hanno i bambini, adolescenti e ragazzi nell’utilizzare consolle, pc, tablet e smartphone a differenza degli adulti (come gli stessi genitori) che sono abbastanza incapaci se non arrugginiti e sgranano gli occhi quando un loro figlio prenota su Internet un biglietto aereo con la stessa facilità di consultare una pagina del Televideo.

[sociallocker id="6152"]

Sì, perchè la differenza è davvero evidente: quando un nativo digitale parla di penna intende quasi sempre un supporto di memoria di massa quale la Pen Drive e non la biro e quando dice che non funziona bene il wifi, la mamma quasi sempre pensa che si stia parlando di altoparlanti di ultima generazione!

E’ proprio perchè i giovani sono cresciuti con le nuove tecnologie che si comportano con esse con tutta naturalezza, ed è anche vero che non c’è tanto da meravigliarsi se un bambino di prima infanzia utilizza il touch dell’iPad millantando un’esperienza di utilizzo decennale: sempre più spesso le nuove tecnologie nascono con l’intento di essere semplici sia concettualmente che nella loro interfaccia utente.

Per aiutare e confrontare se non condividere queste esperienze di figli considerati a volte alieni, Sony Playstation ha pensato come strategia di marketing non convenzionale la realizzazione di un blog impreziosito di tematiche come l’educazione e la creatività. Dicelamamma.it è un blog curato da 3 Blogger già note nella blogosfera femminile: Mammain3d, Mammachetesta e Bismama con lo scopo di creare una community di mamme che raccontano le loro disavventure in famiglia sul rapporto che hanno con la tecnologia e con le loro piccole pesti.

Attraverso la formulazione di quesiti e soluzioni cercano di ricevere o dare aiuto a tutte quelle mamme che come loro si trovano in difficoltà con i figli e non sanno come poter assimilare concetti e termini alquanto ignoti!

E voi come vi sentite? Analogici o digitali?

Articolo sponsorizzato

[/sociallocker]